mercoledì 13 aprile 2011 10:46 < Indietro

Sicurezza: Compagnon, Governo chiarisca su soppressione presidi forze ordine

Interrogazione al Ministro della Difesa

"Se in alcune aree del nostro Paese lo Stato ha ottenuto negli ultimi anni buoni risultati nella lotta alla criminalità comune e alla microcriminalità, lo si deve al pattugliamento del territorio, al coordinamento tra questure e Arma dei carabinieri e allo straordinario impegno delle Forze dell’ordine. E' chiaro che sopprimere i presidi significa automaticamente smorzare l'efficacia del contrasto alle attivita' illecite. Per questo ho chiesto formalmente al Governo se conferma o smentisce l'esistenza di un piano di soppressione di alcuni presidi dell'Arma dei Carabinieri e, in caso affermativo, quali territori e quali comunità sarebbero interessati e sulla base di quale logica sarebbero scelti". Lo dichiara il deputato Udc Angelo Compagnon, che in un'interrogazione al Governo chiede di far luce su un presunto piano di soppressione di alcuni presidi dei Carabinieri.

"Dopo gli ingenti tagli operati dal Governo al comparto sicurezza e difesa - scrive l'esponente centrista - risulterebbe che, nell’ambito di un generale piano di riorganizzazione degli organici delle forze dell’ordine sull’intero territorio nazionale, alcuni presidi dei carabinieri rischiano di essere soppressi, con conseguente interruzione del servizio. Mi auguro che il Governo faccia subito chiarezza. Se si vogliono dare risposte concrete alla crescente domanda di sicurezza dei cittadini, le forze dell’ordine devono essere messe in condizione di poter operare al meglio, in termini di risorse umane, logistiche e di mezzi materiali".


X