martedì 28 giugno 2011 08:12 < Indietro

Interrogazione orale 5-04995 in Commissione Trasporti ai Ministri dello sviluppo economico e delle Infrastrutture sull'accesso nelle ztl dei corrieri internazionali.

COMPAGNON. - Al Ministro dello sviluppo economico, al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. - Per sapere - premesso che:
l'articolo 7 del decreto legislativo n. 285 del 1992 e l'articolo 12, comma 2, del decreto-legge n. 223 del 2006 convertito dalla legge n. 248 del 2006 contengono disposizioni che consentono ai comuni di limitare l'accesso ai centri abitati sia in termini di modalità che di orario;

e limitazioni necessarie per decongestionare il traffico dei centri urbani in alcuni casi riducono fortemente l'operatività di alcuni sistemi di trasporto, in particolare della rete dei servizi di logistica, risorsa essenziale per le imprese;
sono numerose, infatti, le segnalazioni provenienti dagli operatori che effettuano servizi di logistica avanzata ed integrata circa i disagi causati dall'osservanza di tali disposizioni restrittive di accesso ai centri urbani che ostacolano fortemente l'efficienza e la qualità dei propri servizi e l'accrescimento e la competitività delle imprese loro clienti;
per le imprese che utilizzano tali servizi il tempo rapido di prelievo/consegna della merce costituisce un elemento fondamentale per la competitività sui mercati;
le spedizioni di beni e merci costituiscono il 75 per cento delle disposizioni totali dei corrieri aerei e ben l'80 per cento dei clienti degli stessi è rappresentato da aziende italiane impegnate nel mercato mondiale con prodotti di elevatissima qualità;
alla luce delle considerazioni sopra descritte, appare opportuno assumere iniziative a salvaguardia dell'efficienza dei sistemi di rete, in modo da consentire il più rapido e tempestivo espletamento del loro servizio, anche a supporto delle migliaia di imprese che su di essi fanno affidamento -:
quali iniziative di propria competenza intendano adottare per far fronte alla problematica sopra descritta e se non ritengano, altresì, opportuno assumere iniziative normative che prevedano l'esclusione degli operatori e delle imprese che svolgono i servizi di cui al decreto legislativo 22 luglio 1999, n. 261, dalla restrizioni di accesso ai centri abitati stabilite dalla normativa vigente richiamata in premessa.

28 giugno 2011

(5-04995)

X