mercoledì 01 febbraio 2012 11:40 < Indietro

Interrogazione 3-02062 al Ministro dell'Agricoltura per chiedere di fare chiarezza sull' importazione e distribuzione di pane congelato da alcuni Paesi dell'est

COMPAGNON. - Al Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali. - Per sapere - premesso che:

è di questi giorni la notizia che più della metà del pane venduto nei supermercati e consumato nelle mense e nei bar proviene da forni della Romania, della Repubblica Moldova e della Repubblica di Slovenia; il prodotto viene precotto, surgelato, imballato e spedito in Italia, tutti i giorni e a tutte le ore;

il pane diretto al Nord (in particolar modo in Veneto ed in Friuli Venezia Giulia) viaggia su tir frigoriferi e in aereo, quello diretto al Centro e al Sud viaggia attraverso la Croazia e poi attraverso l'Adriatico;

risulta che una parte del prodotto importato verrebbe cotto in forni a gestione familiare ove si utilizzerebbe legna di dubbia provenienza, scarti di bare, residui di traslochi e scheletri di fabbriche dismesse, persino pneumatici;

il costo di un chilo di pane è di 60/80 centesimi, massimo 1 euro, mentre a Venezia ad esempio costa mediamente 3,87 euro;

il risultato è una quantità di circa quattro milioni di chili pane surgelato prodotto ogni anno, importato peraltro legalmente, a danno dei ventiquattromila mila fornai italiani - :

quali iniziative ritenga opportuno prendere per fare piena luce sulla situazione esposta in premessa, tanto riguardo al danno al made in italy visto il rilevante giro d'affari, quanto riguardo alla qualità del prodotto importato, soprattutto in riferimento alle delicate fasi di precottura, surgelazione, trasporto, immagazzinamento, congelazione e riscaldamento.

martedì 31 gennaio 2011

(3-02062)

La prego di trasmettere il mio più sentito ringraziamento all'On. Compagnon per la sensibilità dimostrata nei confronti del nostro lavoro.
Le sarei inoltre grato se potesse fissarmi un incontro con l'Onorevole per poterlo ringraziare personalmente anche a nome di panificatori sia della nostra regione che italiani tutti.
Cordiali saluti
Edvino Jerian
I panificatori del Friuli Venezia Giulia
X