giovedì 25 febbraio 2010 12:00 < Indietro

Interrogazione sui ritardi dei treni Frecciarossa

Interrogazione a risposta orale 3-00937 presentata da ANGELO COMPAGNON

COMPAGNON. - Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti - Per sapere - premesso che:

come evidenziato da numerosi organi di stampa, il rinnovato sistema dell'alta velocità mostra evidenti difficoltà nel rispettare gli obiettivi fissati al momento della sua inaugurazione, in particolare, circa i tempi di percorrenza promessi e spesso disattesi;

risulterebbe all'interrogante che, a parte i ritardi di oltre un'ora registrati dai Frecciarossa in occasione delle intense nevicate di metà dicembre 2009, durante i primi sei giorni del mese di febbraio 2010, solo 19 Frecciarossa su 138 sono arrivati in orario, mentre circa la metà ha registrato un ritardo di cinque minuti;

per stessa ammissione di Ferrovie dello Stato, del cambio orario fino, alla fine di gennaio, sono stati registrati ritardi per 75 ore e 42 minuti, con un coinvolgimento di 352 treni e con episodi di blocco dei sistemi di oltre 3 ore, in particolare nello scalo di Bologna;
il continuo ripetersi di ritardi ha portato anche all'apertura di un fascicolo conoscitivo da parte della Procura della Repubblica di Torino;
il Governo ha riconosciuto l'esistenza di alcune criticità per i treni Frecciarossa, quali: la non rispondenza della rete ad alta velocità rispetto agli obiettivi fissati, l'annosa problematica relativa agli scambi; i frequenti salti di tensione elettrica, la necessità di un cambiamento nella comunicazione aziendale, e altro;

atto stato attuale il sistema dell'atta velocità, seppure ampiamente pubblicizzato e considerato in fase inaugurate una «Seconda Unità d'Italia», soffre di gravi inadeguatezze - specie nel tratto di nuova percorrenza Firenze-Bologna - che rendono irrealistici i tempi di percorrenza previsti e divulgati -:
se risponda al vero che alcune pendenze progettate nel tratto di nuova percorrenza Firenze-Bologna siano sbagliate e se, a causa di tale errore tecnico, si accumulino ulteriori ritardi sulla predetta linea;

quali urgenti iniziative, per quanto di propria competenza, intenda adottare per risolvere la situazione descritta in premessa che continua a provocare continui disagi alla vita privata e professionale degli utenti che viaggiano sul Frecciarossa, finendo con il compromettere a catena l'intera circolazione ferroviaria che, in alcuni tratti, si trova a dover utilizzare le stesse infrastrutture dell'alta velocità. (3-00937)

X