mercoledì 24 ottobre 2012 16:10 < Indietro

Dichiarazione di voto favorevole allaRatifica ed esecuzione del Protocollo opzionale alla Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti A.C. 4765

COMPAGNON. Signor Presidente, anche su questa ratifica del Protocollo con le Nazioni Unite che riguarda un tema delicato, come la tortura, che evidentemente non ha bisogno di parole o di spiegazioni per essere combattuta e spiegata, occorre dire doveva essere fatta prima. È questa, infatti, un'altra dimostrazione del tempo che passa tra la stipula dei Protocolli e la ratifica stessa: dieci anni. Dieci anni sono troppi, soprattutto quando si tratta di una materia come questa. Però, la istituzione di un meccanismo indipendente che possa monitorare e controllare tali sistemi è doveroso, se pensiamo che poi nel nostro Paese il nostro codice non prevede il reato di tortura. Evidentemente, al di là del nostro Paese, in tutto il mondo dove da più parti la tortura è applicata, è opportuno che questo Protocollo venga applicato in termini di ispezioni, di prevenzione e soprattutto non solo nelle carceri, ma in tutti i luoghi dove possono avvenire queste torture. Penso ai centri di detenzione per gli immigrati, negli ospedali psichiatrici ed ogni altro luogo. Per cui, in una situazione anche di carenza della legislazione, dobbiamo assolutamente prendere atto che ci dobbiamo impegnare in questo senso. Va bene ratificare questo Protocollo, ma credo si debba tornare anche a rivedere la nostra legislazione. Peraltro il nostro Parlamento aveva tentato nella XV legislatura di introdurre il reato di tortura, ma la cosa non è andata a buon fine per la conclusione anticipata della legislatura. Pertanto, signor Presidente, nel dichiarare il voto favorevole dell'UdC a questa ratifica del Protocollo contro la tortura, credo anche di poter dire che sarà opportuno che questo Parlamento dia una disponibilità massima anche per introdurre nel nostro codice il reato di tortura (Applausi dei deputati del gruppo Unione di Centro per il Terzo Polo).

X