venerdì 15 luglio 2011 07:07 < Indietro

Intervento in merito alla posizione della questione di fiducia alla manovra finanziaria (AC 4509)

COMPAGNON. Signor Presidente, intervengo relativamente all'intervento del Ministro, che ha posto l'ennesima questione di fiducia più che altro perché in queste ultime battute ho notato una certa insofferenza nei confronti dell'opposizione solo per qualche intervento, come quello dell'onorevole Giachetti fatto adesso. Io credo che invece di prendere atto della grande responsabilità che questa opposizione ha avuto in questo momento, vi sia ancora, non so in che maniera, una certa insofferenza e un certo atteggiamento. Cosa deve fare un'opposizione, oltre ad accogliere il richiamo del Presidente Napolitano ad avere senso dello Stato e della difficoltà che lo stesso sta passando? Ovviamente non poteva che tenere questo atteggiamento. Evidentemente anche il richiamo ad una presenza migliore, ad un atteggiamento più attento anche nella spiegazione mi pare che possa essere il minimo che si può chiedere ad un'opposizione. Credo, invece, che anche questa posizione della questione fiducia - che è l'ennesima, i numeri non si contano - ancorché in un momento difficile, sia la dimostrazione che quello che questa maggioranza sta facendo in questi anni è un percorso che purtroppo non ci porterà molto lontani. Io mi auguro che la responsabilità che è stata dimostrata in quest'aula dall'opposizione, pur votando contro alla manovra, rispetto ai problemi del Paese sia una responsabilità che venga presa in considerazione dal Governo e dalla maggioranza.

X