mercoledì 27 ottobre 2010 12:00 < Indietro

Ordine del giorno n. 9/2836-B/3

Presentato al disegno di legge di ratifica: Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, nonché norme di adeguamento dell'ordinamento interno - (A.C. 2836-B)


La Camera,

impegna il Governo

ad adottare le opportune iniziative normative volte a modificare l'articolo 544-ter del codice penale nel senso di stabilire che chiunque, senza necessità, cagioni una lesione ad un animale, ovvero lo sottoponga a sevizie, a comportamenti, a fatiche o a lavori non sopportabili per le sue caratteristiche etologiche, o somministri ad un animale sostanze stupefacenti o vietate, ovvero lo sottoponga a trattamenti o a condizioni che procurano un danno alla salute, sia punito con la reclusione da tre a quindici mesi o con la multa da euro 5.000 a euro 30.000.

La pena di cui al primo capoverso si dovrebbe applicare altresì a chiunque sottoponga un animale al taglio o all'amputazione della coda o delle orecchie, alla recisione delle corde vocali, all'asportazione delle unghie o dei denti ovvero ad altri interventi chirurgici destinati a modificarne l'aspetto o finalizzati a scopi non terapeutici.

Le pene dovrebbero inoltre essere aumentate della metà se dai fatti di cui al primo e al secondo capoverso derivi la morte dell'animale.

La punibilità dovrebbe invece essere esclusa quando l'intervento chirurgico sia eseguito da un medico veterinario per scopi terapeutici o per impedire la riproduzione dell'animale, ovvero quando l'intervento è considerato dallo stesso medico veterinario utile al benessere di un singolo animale, nei casi stabiliti da apposito regolamento.

9/2836-B/3. Compagnon, Vaccaro.

Fasi iter:

ACCOLTO IL 27/10/2010

PARERE GOVERNO IL 27/10/2010

DISCUSSIONE IL 27/10/2010

CONCLUSO IL27/10/2010

X